login

Stabilisce una connessione sicura a un ambiente.

La sessione ha inizio dopo aver eseguito l'accesso e rimane attiva fino a quando l'utente non si scollega.

Nota:

  • EPM Automate non supporta l'accesso tramite le credenziali SSO dell'organizzazione. È necessario utilizzare il nome utente e la password di Oracle Enterprise Performance Management Cloud.
  • EPM Automate non funziona con il proxy SOCKS; funziona solo con il proxy HTTP/HTTPS.
  • Se si utilizza questo comando in file batch per automatizzare le attività, Oracle consiglia di utilizzare password cifrate per evitare di registrare password con testo in chiaro nei file batch.

Durante la procedura di accesso viene visualizzato un messaggio che richiede di aggiornare EPM Automate se si sta utilizzando una versione non aggiornata. È possibile utilizzare il comando upgrade per eseguire l'aggiornamento in background dell'installazione.

Si applica a

Planning, Moduli Planning, Financial Consolidation and Close, Tax Reporting, Account Reconciliation, Profitability and Cost Management, Oracle Enterprise Data Management Cloud, Narrative Reporting, Oracle Sales Planning Cloud e Oracle Strategic Workforce Planning Cloud.

Utilizzo

  • Utilizzo della password non cifrata: epmautomate login USERNAME PASSWORD URL [ProxyServerUserName=PROXY_USERNAME ProxyServerPassword=PROXY_PASSWORD ProxyServerDomain=PROXY_DOMAIN]

  • Utilizzo della password non cifrata: epmautomate login USERNAME PASSWORD_FILE URL [ProxyServerUserName=PROXY_USERNAME] [ProxyServerPassword=PROXY_PASSWORD] [ProxyServerDomain=PROXY_DOMAIN]

In questi comandi:

  • USERNAME è il nome utente dell'utente.
  • PASSWORD è la password dell'utente.
  • PASSWORD_FILE è il nome e la posizione del file in cui è memorizzata la password cifrata dell'utente. Fare riferimento al comando encrypt.
  • URL è l'URL dell'ambiente con cui stabilire la connessione. È possibile utilizzare un URL customizzato o di reindirizzamento al posto dell'URL di EPM Cloud.

    Per creare un URL di reindirizzamento per un ambiente, utilizzare uno strumento di abbreviazione dei collegamenti di terze parti, ad esempio, T.ly, Bitly, Rebrandly, TinyUrl, is.gd e così via. Per informazioni dettagliate sulla creazione di URL di reindirizzamento, fare riferimento alla documentazione dello strumento di abbreviazione di terze parti.

  • ProxyServerUserName è il nome utente per l'autenticazione di una sessione sicura con il server proxy HTTP che controlla l'accesso a Internet. Obbligatorio solo se l'autenticazione a livello di server proxy è abilitata per la rete in uso.
  • ProxyServerPassword è la password per l'autenticazione dell'utente con il server proxy. Obbligatorio solo se l'autenticazione a livello di server proxy è abilitata per la rete in uso. Questa password può essere cifrata. Fare riferimento al comando encrypt. Se la password è cifrata, viene letta da PASSWORD_FILE .
  • ProxyServerDomain è il nome del dominio definito per il server proxy HTTP. Obbligatorio solo se l'autenticazione a livello di server proxy è abilitata per la rete in uso ed è configurato un dominio del server proxy.

Nota:

  • Non è necessario utilizzare il parametro IDENTITYDOMAIN con questo comando. Questo valore viene derivato automaticamente dall'URL; qualsiasi valore specificato dall'utente per il parametro relativo al dominio di Identity viene ignorato.
  • EPM Automate rileva e utilizza le impostazioni proxy HTTP/HTTPS nel computer in uso. Se le impostazioni proxy richiedono l'autenticazione con il server proxy, è necessario immettere il dominio del server proxy, il nome utente e la password come parametri di questo comando. Contattare l'amministratore della rete per ulteriori informazioni sul nome e sulle credenziali del dominio del server proxy.

Esempi

  • Utilizzo di una password EPM Cloud non cifrata, senza autenticazione proxy: epmautomate login serviceAdmin P@ssword1 https://test-cloud-pln.pbcs.us1.oraclecloud.com
  • Utilizzo di una password EPM Cloud cifrata, senza autenticazione proxy: epmautomate login serviceAdmin C:\mySecuredir\password.epw https://test-cloud-pln.pbcs.us1.oraclecloud.com
  • Utilizzo di una password EPM Cloud cifrata, se l'autenticazione a livello di server proxy è abilitata con un dominio del server: epmautomate login serviceAdmin C:\mySecuredir\password.epw https://test-cloud-pln.pbcs.us1.oraclecloud.com ProxyServerUserName=john.doe@example.com ProxyServerPassword=example ProxyServerDomain=example
  • Utilizzo di una password EPM Cloud cifrata, se l'autenticazione a livello di server proxy è abilitata senza un dominio del server: epmautomate login serviceAdmin C:\mySecuredir\password.epw https://test-cloud-pln.pbcs.us1.oraclecloud.com ProxyServerUserName=john.doe@example.com ProxyServerPassword=example ProxyServerDomain=example
  • Utilizzo di una password EPM Cloud e server proxy cifrata se è abilitata l'autenticazione a livello di server proxy con un dominio del server (fare riferimento al comando encrypt).

    epmautomate login serviceAdmin C:\mySecuredir\password.epw https://test-cloud-pln.pbcs.us1.oraclecloud.com ProxyServerUserName=john.doe@example.com ProxyServerDomain=example

  • Utilizzo di una password EPM Cloud e server proxy cifrata se è abilitata l'autenticazione a livello di server proxy senza un dominio del server (fare riferimento al comando encrypt).

    epmautomate login serviceAdmin C:\mySecuredir\password.epw https://test-cloud-pln.pbcs.us1.oraclecloud.com ProxyServerUserName=john.doe@example.com