Configurazione dell'adattatore di file incrementali in Gestione dati

Nota:

Le opzioni disponibili durante la definizione della regola di caricamento dati in Gestione dati consente di decidere se eseguire il caricamento solo dei dati incrementali in Workforce oppure il caricamento di tutti i dati.

Per configurare un file di origine dei dati incrementali, procedere come segue.

  1. Aggiungere un'origine dei dati incrementali:
    1. Nella pagina Home fare clic su Navigator, quindi in Integrazione fare clic su Gestione dati.
    2. Fare clic sulla scheda Impostazione, quindi in Registra fare clic su Applicazione target.

    3. In Applicazione target - Riepilogo fare clic su Aggiungi, quindi su Origine dati.

    4. In Sistema di origine selezionare File incrementale.
    5. In Prefisso è possibile specificare un prefisso per rendere univoco il nome del sistema di origine.

      Utilizzare un prefisso se il nome del sistema di origine da aggiungere si basa su un nome di sistema di origine esistente. Il prefisso viene aggiunto al nome esistente. Se ad esempio si desidera utilizzare lo stesso nome del sistema di origine esistente per il sistema di origine di un file incrementale, si possono aggiungere le proprie iniziali come prefisso.

    6. Fare clic su OK.
    7. Nella finestra di dialogo Seleziona, selezionare il file di caricamento dei dati di origine nella posta in entrata. Se il file risulta mancante, fare clic su Carica per aggiungerlo alla cartella Inbox (server /u03/inbox/inbox).

      Potrebbe essere necessario espandere la cartella Home e quindi selezionare la cartella Inbox per visualizzare l'elenco dei file di origine. Il file deve essere delimitato con uno dei delimitatori supportati e deve contenere un record intestazione per ogni dimensione nella prima riga. Il campo dati è l'ultima colonna nel file. Vedere Preparazione del file di dati di origine.

    8. Fare clic su OK, quindi su Salva.

      I dettagli delle dimensioni vengono creati automaticamente dal sistema.

  2. Impostare il formato di importazione, che definisce la struttura del file di origine e viene applicato durante l'importazione del file di origine:
    1. Nella scheda Impostazione, in Impostazione integrazione fare clic su Formato di importazione.
    2. In Formato di importazione - Riepilogo fare clic su Aggiungi.
    3. In Dettagli immettere un nome per il formato di importazione.
    4. In Origine cercare e selezionare l'origine.
    5. Selezionare il tipo di file delimitato in Tipo file.

      Oracle consiglia di selezionare Delimitato - Tutti i tipi di dati, ovvero il tipo standard per il caricamento di testo e dati numerici.

    6. Nell'elenco a discesa Delimitatore di file selezionare il tipo di delimitatore da utilizzare nel file di dati di origine, ovvero virgola, barra verticale, punto esclamativo, punto e virgola, due punti, tabulazione e tilde.
    7. In Target cercare e selezionare l'applicazione Planning desiderata, quindi fare clic su Salva.
    8. In Mapping, eseguire il mapping tra le dimensioni incluse in Colonna di origine e l'applicazione target, quindi fare clic su Salva.

      L'area Colonna di origine viene popolata con le dimensioni ricavate dalla riga di intestazione del file dei dati di origine.

      Nota:

      Sono supportati solo i caricamenti per un singolo periodo.

      Per ulteriori informazioni sui formati di importazione, fare riferimento alla sezione Utilizzo dei formati di importazione in Amministrazione di Gestione dati per Oracle Enterprise Performance Management Cloud .

  3. Definire la posizione, ovvero il livello al quale viene eseguito il caricamento dati in Gestione dati. La posizione è associata al formato di importazione e specifica dove i dati vengono caricati.
    1. Nella scheda Impostazione , in Impostazione integrazione, selezionare Formato di importazione.
    2. In Posizione fare clic su Aggiungi.
    3. In Dettagli, nella scheda Dettagli posizione immettere il nome della posizione.
    4. Cercare e selezionare il formato di importazione desiderato.
    5. Immettere un valore in Moneta di conto, quindi fare clic su Salva.

    Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla sezione Definizione delle posizioni in Amministrazione di Gestione dati per Oracle Enterprise Performance Management Cloud .

  4. Creare i mapping dei membri:
    1. Nella scheda Flusso di lavoro , in Caricamento dati, selezionare Mapping caricamento dati.
    2. Nella parte inferiore della pagina verificare il POV relativo alla posizione.
      1. Fare clic sul link per la Posizione, tramite il quale si visualizza la finestra di dialogo Seleziona punto di vista.
      2. Selezionare i valori desiderati per Posizione, Periodo e Categoria (Scenario).
      3. Facoltativo: selezionare Imposta come predefinito per conservare questo POV.
      4. Fare clic su OK.
    3. Eseguire il mapping dei membri dall'origine in fase di caricamento all'applicazione target:
      1. Nella parte superiore della pagina, in Dimensione selezionare una dimensione nel file di origine.
      2. Fare clic su una delle cinque schede relative al mapping dei membri, ad esempio la scheda Simile a, quindi fare clic su Aggiungi.
      3. Immettere un asterisco (*) nella colonna Valore di origine e nella colonna Valore target per rappresentare tutti i valori.
      4. Fare clic su Salva dopo aver eseguito il mapping dei membri per ciascuna dimensione.

        È necessario creare un mapping dei membri per ogni dimensione nel file di dati di origine.

        Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla sezione Creazione dei mapping dei membri in Amministrazione di Gestione dati per Oracle Enterprise Performance Management Cloud .

  5. Selezionare la regola di caricamento dei dati: nella scheda Flusso di lavoro, in Caricamento dati selezionare Regola caricamento dati.
    1. Nella parte inferiore della pagina verificare il POV per la dimensione Posizione, utilizzando la stessa procedura descritta nel passo 4b.
    2. Nell'area Regola dati - Riepilogo fare clic su Aggiungi.
    3. In Dettagli immettere il nome della regola di caricamento dei dati.
    4. In Categoria selezionare la categoria per mappare i dati del sistema di origine ai membri della dimensione target Scenario.
    5. In Tipo di mapping periodi selezionare Predefinito.
    6. Non è necessario specificare un valore in Formato di importazione perché viene utilizzato il formato di importazione relativo alla posizione. Specificare un formato di importazione solo quando si desidera sostituire il formato di importazione della posizione.
    7. Nell'elenco a discesa Tipo di piano target selezionare OEP_WFP.
    8. Nella scheda Filtri di origine, in File di origine cercare e selezionare il file contenente i dati che si desidera caricare. Il file può essere lo stesso da cui è stata creata l'applicazione di origine dei dati oppure un altro file contenente sia i dati che l'intestazione appropriata.

      Il file può avere lo stesso nome del file originale oppure un nuovo nome. Nel file di caricamento incrementale verranno create automaticamente le differenze tra i due file caricati. Pertanto, se il file A.txt contiene 100 righe e il file B.txt ne contiene 300, delle quali le prime 100 sono uguali, per il primo caricamento sarà necessario selezionare il file A.txt se l'opzione ID ultimo processo è 0. Il secondo caricamento utilizzerà il file B.txt. L'ID punterà automaticamente al valore ID ultimo processo assegnato al file A.

    9. In Opzione di elaborazione incrementale selezionare se ordinare i dati nel file di origine.
      • Non ordinare file di origine: il file di origine viene confrontato così com'è. Questa opzione presuppone che il file di origine venga generato sempre con lo stesso ordinamento. Gestione dati confronta i file e quindi estrae i nuovi record e quelli modificati. Questa opzione consente di ridurre i tempi di esecuzione del caricamento file incrementale.
      • Ordina file di origine: Gestione dati ordina il file di origine prima di eseguire il confronto dei file per individuare le differenze. Il file ordinato viene quindi confrontato con la versione dello stesso file prima dell'ordinamento. L'ordinamento di file di grandi dimensioni utilizza molte risorse del sistema. Se il sistema di origine fornisce un file ordinato, evitare di utilizzare questa opzione perché utilizza risorse del computer e rallenta le performance.

        Nota:

        Se è presente una regola che utilizza l'opzione Non ordinare file di origine e successivamente si seleziona un'opzione di ordinamento, il primo caricamento restituirà risultati non validi perché i file avranno ordinamenti diversi. Nelle esecuzioni successive, i dati verranno caricati correttamente.

      • Rivedere il valore dell'opzione ID ultimo processo.

        Quando si esegue il caricamento del file di dati originale per la prima volta, il valore di ID ultimo processo sarà 0. Quando il caricamento viene eseguito di nuovo, il valore di ID ultimo processo corrisponderà al numero dell'ultimo caricamento del file di dati originale. Se la versione di confronto dei file appena creata e il file di dati originale non presentano alcuna differenza, o se il file non viene trovato, il valore di ID ultimo processo viene assegnato come ID all'ultimo caricamento che ha avuto esito positivo.

        Per ricaricare tutti i dati, impostare nuovamente ID ultimo processo su 0 e selezionare un nuovo file di origine per reimpostare la baseline.

        Nota:

        Le copie del file di dati di origine vengono archiviate solo per le ultime 5 versioni e vengono conservate per un massimo di 60 giorni. Dopo 60 giorni, impostare l'opzione ID ultimo processo su 0 e quindi eseguire il caricamento.
    10. Fare clic su Salva.
  6. Selezionare il metodo di caricamento per l'applicazione target e aggiungere le regole business di Workforce che eseguono la logica del caricamento incrementale quando viene eseguita la regola di caricamento dei dati:
    1. Fare clic sulla scheda Impostazione, quindi in Registra fare clic su Applicazione target.
    2. In Applicazione target - Riepilogo, nella colonna Tipo selezionare Planning.
    3. In Dettagli applicazione fare clic sulla scheda Opzioni applicazione.
    4. In Metodo di caricamento selezionare Tutti i tipi di dati con sicurezza, quindi fare clic su OK.
    5. Fare clic sulla scheda Regole business, quindi fare clic su Aggiungi.
    6. In Regola business immettere o incollare il nome della regola business di Workforce

      Per ulteriori informazioni sulle regole di Workforce, fare riferimento alla sezione Selezione delle regole di Workforce da aggiungere. Per ulteriori informazioni sull'aggiunta di regole business in Gestione dati, fare riferimento alla sezione Aggiunta di regole business in Amministrazione di Gestione dati per Oracle Enterprise Performance Management Cloud .

    7. In Ambito selezionare Regola dati.
    8. In Regola caricamento dati selezionare la regola di caricamento dei dati creata, quindi fare clic su Salva.
  7. Visualizzare l'anteprima dei dati prima di esportarli.
    1. Fare clic sulla scheda Flusso di lavoro, quindi su Regola caricamento dati.
    2. Fare clic su Esegui.
    3. Nella finestra di dialogo Esegui regola selezionare Importa da origine, quindi verificare i valori nei campi Periodo di inizio e Periodo di fine.

      Per inviare i dati incrementali all'applicazione target, è inoltre possibile selezionare Esporta nel target.

    4. Fare clic su Esegui.

    Fare riferimento alla sezione Utilizzo del workbench di caricamento dati in Amministrazione di Gestione dati per Oracle Enterprise Performance Management Cloud .

  8. A questo punto si è pronti per l'esecuzione del caricamento dei dati incrementali. Vedere Esecuzione di un caricamento di dati incrementali di Workforce.

Suggerimento:

Dopo aver caricato i dati, per velocizzare l'aggiornamento e l'elaborazione dei dati relativi a più dipendenti, mansioni o impostazioni predefinite entità in Workforce, è possibile utilizzare i form Aggiornamento di massa. Questi form consentono di velocizzare la revisione e la modifica di dipendenti, mansioni e impostazioni predefinite entità dopo il caricamento dei dati. Progettato per garantire livelli ottimali di efficienza di elaborazione, ciascun form è associato a una regola Groovy che elabora solo i dati modificati. Fare riferimento alla sezione Aggiornamento dei dettagli di più dipendenti e mansioni in Utilizzo dei moduli di Planning .